My Mizra Blog


3 commenti

Concilia?

Dopo anni di estenuanti lungaggini burocratico-giudiziali l’Unione Europea ha finalmente sanzionato la Microsoft!

Una multa di 899 milioni di euro può sembrare astronomica ma è una frazione degli utili annui che Microsoft consegue in Europa sfruttando la sua posizione dominante… il danno alla concorrenza e, di conseguenza, alle tasche dei consumatori è molto più alto.

Ma i guai per Microsoft non si fermano qui, l’Unione Europea ha aperto due nuove indagini su ipotesi di abuso di posizione dominante: una su Internet Explorer (NdT: passate a Firefox! Ora!) e un’altra sulla interoperatività (leggi pacchetti Office)

Forse nei prossimi anni vedremo i frutti di una vera concorrenza nel settore dei PC, per ora Firefox straccia Internet Explorer su ogni test degno di questo nome ed OpenOffice cresce e matura costantemente 🙂

Annunci


2 commenti

Come diventare un Ninja in 10 mosse

Mentre Naruto imperversa in fumetteria ed in TV, sembra sia scoppiata una specie di ninja-mania 🙂

I tour operator hanno colto la palla al balzo ed ora offrono corsi per Ninja 😉 Se a qualcuno interessa imparare a cade, lanciare shuriken e rendersi ridicolo girando con un completino ninja nero può sempre rivolgersi alla HIS Experience, uno degli operatori che sta approfittando della follia del turista folgorato di turno 🙂

Ninja

HOKUKAGE-NTS character concept by ~HOON

 


Lascia un commento

Giordano Bruno, martire per la scienza

L’ultimo post del buon Zaza mi ricorda prepotentemente che oggi ricorre l’anniversario della morte di Giordano Bruno. Ricordiamo che il grande filosofo nolano fu arso vivo il 17 febbraio 1600 a Roma dopo un processo che lo ha visto condannato per eresia.

Sono passati oltre 400 anni ma l’odio della Chiesa nei confronti di scienziati e filosofi che, facendo onestamente il loro lavoro, la criticano non è passato. Fortuna vuole che oggi non abbia più a disposizione l’Inquisizione, la tortura ed il rogo per far (pre)valere la sua opinione. Perse le armi della coercizione fisica (oggi ampiamente usate nei regimi teocratici islamici) alla Chiesa Cattolica sono rimaste la coercizione politica e/o morale… no, per una religione dogmatica ho il sospetto che il dialogo critico costruttivo non sia un’opzione ammissibile 😉

“Forse tremate più voi nel pronunciare questa sentenza che io nell’ascoltarla”
(Giordano Bruno ai giudici, 8 febbraio 1600)


Lascia un commento

Liberadonna

Riporto una petizione on-line a favore delle donne rivolta ai leader del centrosinistra (NdT: rivolgere un simile appello ai leader del centrodestra sarebbe fatica sprecata)
Io l’ho già firmata ed esorto chiunque sia d’accordo con essa a fare altettanto 🙂

Ps: ho la mano ancora fuori uso causa infezione. Spero di recuperare entro breve 🙂

A: Veltroni, Bertinotti e tutti i dirigenti del centro-sinistra

I PROMOTORI DI QUESTO APPELLO NON HANNO ALCUNA RESPONSABILITA’ NELLA SCELTA DEGLI SPONSOR CHE COMPAIONO QUI AFFIANCO

PRIME FIRMATARIE:
Simona Argentieri, Natalia Aspesi, Adriana Cavarero, Cristina Comencini, Isabella Ferrari, Sabina Guzzanti, Margherita Hack, Fiorella Mannoia, Dacia Maraini, Alda Merini, Valeria Parrella, Lidia Ravera, Rossana Rossanda, Elisabetta Visalberghi

Caro Veltroni, caro Bertinotti, cari dirigenti del centro-sinistra tutti,
ora basta!
L’offensiva clericale contro le donne – spesso vera e propria crociata bigotta – ha raggiunto livelli intollerabili. Ma egualmente intollerabile appare la mancanza di reazione dello schieramento politico di centro-sinistra, che troppo spesso è addirittura condiscendenza.
Con l’oscena proposta di moratoria dell’aborto, che tratta le donne da assassine e boia, e la recente ingiunzione a rianimare i feti ultraprematuri anche contro la volontà della madre (malgrado la quasi certezza di menomazioni gravissime), i corpi delle donne sono tornati ad essere “cose”, terreno di scontro per il fanatismo religioso, oggetti sui quali esercitare potere.
Lo scorso 24 novembre centomila donne – completamente autorganizzate – hanno riempito le strade di Roma per denunciare la violenza sulle donne di una cultura patriarcale dura a morire. Queste aggressioni clericali e bigotte sono le ultime e più subdole forme della stessa violenza, mascherate dietro l’arroganza ipocrita di “difendere la vita”. Perciò non basta più, cari dirigenti del centro-sinistra, limitarsi a dire che la legge 194 non si tocca: essa è già nei fatti messa in discussione. Pretendiamo da voi una presa di posizione chiara e inequivocabile, che condanni senza mezzi termini tutti i tentativi – da qualunque pulpito provengano – di mettere a rischio l’autodeterminazione delle donne, faticosamente conquistata: il nostro diritto a dire la prima e l’ultima parola sul nostro corpo e sulle nostre gravidanze.
Esigiamo perciò che i vostri programmi (per essere anche nostri) siano espliciti: se di una revisione ha bisogno la 194 è quella di eliminare l’obiezione di coscienza, che sempre più spesso impedisce nei fatti di esercitare il nostro diritto; va resa immediatamente disponibile in tutta Italia la pillola abortiva (RU 486), perché a un dramma non debba aggiungersi una ormai evitabile sofferenza; va reso semplice e veloce l’accesso alla pillola del giorno dopo, insieme a serie campagne di contraccezione fin dalle scuole medie; va introdotto l’insegnamento dell’educazione sessuale fin dalle elementari; vanno realizzati programmi culturali e sociali di sostegno alle donne immigrate, e rafforzate le norme e i servizi a tutela della maternità (nel quadro di una politica capace di sradicare la piaga della precarietà del lavoro).
Questi sono per noi valori non negoziabili, sui quali non siamo più disposte a compromessi.

PRIME FIRMATARIE:
Simona Argentieri
Natalia Aspesi
Adriana Cavarero
Cristina Comencini
Isabella Ferrari
Sabina Guzzanti
Margherita Hack
Fiorella Mannoia
Dacia Maraini
Alda Merini
Valeria Parrella
Lidia Ravera
Rossana Rossanda
Elisabetta Visalberghi


2 commenti

In via di guarigione

Il piccolo squarcio che ho alla mano sta guarendo, lunedì mi tolgono i punti e poi potrò ritornare al mio solito tran tran 🙂
Nel frattempo il panorama politico italiano continua ad evolvere:

  • FI ed AN sembrano sul punto di convolare a nozze… dopo anni di convivenza era anche ora! 🙂
  • PD prosegue la sua corsa solitaria e lascia che gli altri a sinistra si organizzino come meglio credano… ottima scelta da parte di Veltroni che così può affrancarsi dai ricatti continui di chi insiste a stare all’opposizione anche quando governa 😉
  • nasce la “Rosa Bianca”… l’orto botanico del parlamento italiano si allarga: ulivo, quercia, rosa (nel pugno), garofano, bianco fiore, edera. Visto che il programma politico in atto da decenni è: “Metterlo in culo agli italiani” prima o poi qualcuno si deciderà a scegliere come simbolo il finocchio!

Per ora le notizie si occupano di formazioni elettorali ed alleanze, continua a latitare uno straccio di programma da presentare agli elettori. Mi auguro che tra i geni preposti a redigerlo ci sia qualcuno che riesca a scrivere qualcosa di più di uno pseudo decalogo e meno prolisso ed inutile di un programma di 200 pagine che nessuno leggerà mai.


Lascia un commento

Il piacere di sbagliarsi

Sono felice che la mia previsione di elezioni autunnali si sia rilevata sbagliata 🙂 Contrariamente alle mie pessimistiche aspettative si andrà a votare in Aprile, spero con un esito meno ambiguo dell’ultima volta.

Nel frattempo mi rilasso, aspetto e faccio l’uomo tranquillo in attesa che mi tolgano i punti dalla mano sinistra… lunedì ho avuto un piccolo incidente con un coltello che si è risolto con 3 punti di sutura e 8 giorni di infortunio :/

Per fortuna per scrivere e leggere un libro è sufficiente una mano sana 🙂