My Mizra Blog


Lascia un commento

Uccelli di rovo… a Chioggia

Poco tempo fa a Chioggia è scoppiato uno scandalo a luci rosse. Un marito rientra a casa e coglie la moglie in “flagrante tradimento” con un altro uomo. La notizia finirebbe qui come la classica storia di corna all’italiana se il dongiovanni non fosse un Don Qualcosa ovvero un monsignore della diocesi di Chioggia. Il marito, su consiglio del cognato, decide di recarsi presso il vescovo per chiedere “giustizia”.

La risposta del vescovo Angelo Daniel non tarda ad arrivare. Attraverso il giornale diocesano giunge una sostanziale assoluzione del teologo (il mons. è anche un famoso ed apprezzato teologo, docente di S. Scritture a Padova):

Non dobbiamo dimenticare che, […], non mancano persone che direttamente o indirettamente, lo spingono a mancare

Al marito tradito non resta che tornarsene a casa con le pive nel sacco e qualcos’altro sulla testa, alla moglie fedifraga è stata aggiunta una bella etichetta di “adescatrice” mentre per il povero, ingenuo ed incolpevole prete traviato si prospetta un bel viaggetto di “ri-educazione”. Il trauma sofferto deve essere stato estremo se monsignor Antonio Meneguolo, delegato patriarcale alla Basilica di San Marco, non esita a affermare:

Ritengo che il sacerdote coinvolto nella vicenda non possa non essere affetto da un disturbo psicologico, qualificabile come dissociazione della personalità. […] Parlare di malattia forse è esagerato, ci vorrebbero le virgolette, ma allo stesso tempo penso che, trattandosi di un prete, ci sia qualcosa di patologico

Per curiosità ho provato a scoprire l’identità del suddetto playboy in abito talare. L’articolo de “La Stampa” è quello che fornisce più indizi:

  • monsignore
  • 53 anni di Chioggia
  • teologo di grande fama
  • docente di Sacre Scritture a Padova (alla Facoltà teologica dell’Italia Settentrionale) e a Verona
  • nome conosciutissimo a Chioggia

Una rapida ricerca con Google e mi ritrovo sotto il naso l’annuario 2007 della diocesi di Chioggia o, meglio, la versione HTML scansionata da Google 😉 Spulcio l’elenco con l’ausilio del mitico CTRL-F ed ecco saltar fuori un possibile “candidato”:

XXXXXXX Xxxxxxx “Xxxx”

nato a Chioggia (VE) il xx.xx.195x

ordinato a Chioggia il xx.xx.19xx

ins. di S. Scrit. – Facoltà Teol. Italia Sett. – Sez. Padova (1990)

Inutile dire che gli abitanti di Chioggia e dintorni conoscono perfettamente l’identità del gaudente monsignore, forse lo hanno visto girare per la città e sentito dispensare dotte lezioni sulla morale, etc. etc. Mi piacerebbe poterci scambiare due parole per sapere cosa pensano di tutta questa faccenda 😉

Annunci


3 commenti

Pena e Panico

Nuovo arrivo nello zoo di casa Andriollo 🙂 Tramite una ex-collega del Cityper io e Raffa abbiamo adottato due tartarughe acquatiche: Pena e Panico.

Sebbene in origine si chiamassero Otello e Demonio il cambio d’identità non sembra averle traumatizzate 😉 Abbiamo provveduto a fornigli una vaschetta nuova con filtro annesso per evitare di traumatizzarle ogni due giorni per cambiargli l’acqua. Dopo varie ricerche su internet ed un consulto con un omino specializzato in acquari abbiamo cominciato a cambiare un pò la dieta delle tartarughe. Pare infatti che siano onnivore con una dieta prevalentemente carnivora (gamberetti, molluschi, etc.) durante la fase dello sviluppo per passare ad una dieta più vegetariana (verdura, frutta, etc.) in fase adulta. Visto che le “piccole” hanno ormai qualche annetto ed hanno più che raddoppiato le dimensioni originali della tipica tartarughina acquatica, abbiamo provato a nutrirle con foglie di insalata e, a giudicare da come la mangiano, sembra che la apprezzino 😉

Pena e Panico appena arrivate allo Zoo di Tony&Raffa


Lascia un commento

Avviso ai lettori del blog

Il simpatico Rizar è autore del papabanner che potete trovate nella barra laterale.

E’ un modo semplice ed ironico per avvisare l’ignaro lettore che i contenuti di questo blog, in quanto espressione di idee ed opinioni del sottoscritto, posso essere difformi e/o contrari alla fede ed alla morale cattolica.

Un elenco non esaustivo delle suddette idee ed opinioni comprende:

  • favorevole a divorzio ed aborto;
  • favorevole all’introduzione di PACS e testamento biologico;
  • favorevole all’abolizione dell’Otto Per Mille e dei privilegi fiscali della Chiesa Cattolica;
  • favorevole al libero uso di contraccettivi e profilattici;
  • non credere all’infallibilità del papa in materia dottrinale;
  • non credere alla verginità di Maria;
  • non credere alla natura divina di Gesù;
  • etc. etc.

Scrivo su questo blog per esprimere le mie idee e condividerle coi lettori, non per convincerli a cambiare idea. Ognuno è libero di avere le proprie idee, così è il sottoscritto e tali sono i lettori del blog 🙂


Lascia un commento

Live and let die

A costo di apparire morboso è il caso di dare un’occhiata al “nuovo” candidato John McCain. Nato il 29 agosto 1936 John S. McCain III è nipote di John S. McCain Sr. (1884–1945) e figlio di John S. McCain Junior (1911–1981). Con i suoi 72 anni ha già superato l’età del nonno e del padre anche se può vantare un’arzilla madre di 96 anni ancora in vita.

Sopravvissuto a 3 melanomi, è un ex fumatore ed ha pubblicato la sua cartella clinica per tranquillizzare la stampa ed il pubblico sul suo stato di salute. Premesso che potrei metterci la firma ad arrivare a 72 anni in salute come l’energico McCain resta da dire che ha sempre 72 anni e si propone di sedersi su una poltrona molto impegnativa. C’è poco da ridere se diamo un’occhiata brutale alle tavole di mortalità statunitensi.

Period Life Table, 2004
Età Maschi Femmine
Pr. Morte Viventi Aspett di vita Pr. Morte Viventi Aspett di vita
70 0.027533 71,055 13.27 0.018406 81,136 15.72
71 0.030131 69,098 12.64 0.020342 79,643 15.01
72 0.032978 67,016 12.01 0.022346 78,023 14.31
73 0.036086 64,806 11.41 0.024382 76,279 13.62
74 0.039506 62,468 10.81 0.026551 74,419 12.95
75 0.043415 60,000 10.24 0.029073 72,443 12.29
76 0.047789 57,395 9.68 0.032023 70,337 11.64
77 0.052464 54,652 9.14 0.035307 68,085 11.01
78 0.057413 51,785 8.62 0.038949 65,681 10.40
79 0.062789 48,812 8.11 0.043047 63,123 9.80
80 0.068836 45,747 7.62 0.047769 60,405 9.22

Le tavole di mortalità di solito partono con 100.000 nati ed assegnano ad ogni età il numero di sopravvissuti. Se facciamo due conti dei 67.016 vivi a 72 anni solo 57.395 saranno vivi a 76 anni ovvero c’è una probabilità del 85,64% di sopravvivenza.

Se ipotizziamo che i trascorsi clinici di McCain e l’accesso a terapie di prim’ordine si compensino possiamo assegnare il 14,36% di probabilità che McCain schiatti durante il suo mandato 😉 In questo caso la presidenza passerebbe d’ufficio a  Sarah Palin…. riuscite ad immaginarvi cosa potrebbe combinare? Io sì e mi corre un brivido lungo la schiena 😉


Lascia un commento

Torniamo al Nucleare?

E’ passato qualche mese da quando ho finito di leggere “Torniamo al nucleare?” di Chicco Testa ma mi sono trattenuto dal recensirlo. La causa è stata una serie di dubbi sull’autore del saggio… nulla di concreto, solo una sensazione di conti che non tornano 😉

Il libro fa il punto della situazione a circa vent’anni dal referendum sul nucleare. Di fronte al problema sempre più sentito del riscaldamento globale il nucleare viene presentato come unica vera alternativa energetica all’uso di idrocarburi e carbone. L’idea di fondo è integrare il nucleare con altre fonti energetiche ad emissioni zero per risolvere i problemi connessi all’uso dei combustibili fossili. Ma per attuare una simile rivoluzione energetica occorre riaprire un dibattito serio sul nucleare, trovare un accordo politico traversale in grado di sostenere un progetto che durerà decenni mentre alla collettività sarà chiesto di cambiare stili di vita, sistemi industriali e quant’altro per andare incontro al nuovo modello energetico.

Tutte cose condivisibili e che in ampia parte condivido 😉 Ma resto un pò perplesso di fronte al personaggio Chicco Testa. Come presidente di Legambiente è stato promotore del referendum per l’abolizione del nucleare mentre ora, dopo vent’anni trascorsi in vari consigli di amministrazione (ENEL, Acea, Riello, etc.), lo ritroviamo a difendere strenuamente l’idea opposta. Non sono contrario al cambiare idea ma mi lascia perplesso come una persona con simili cambiamenti radicali di opinione possa ritrovarsi sempre ai vertici.

Mi ricorda un pò Francesco Rutelli (da radicale mangiapreti a presidente della Margherita) o Daniele Capezzone (da Rosa nel Pugno a portavoce di Forza Italia)….


1 Commento

A che punto siamo?

Un paio di mesi fa avevo buttato lì il classico post catastrofista che suggeriva il possibile scioglimento dei ghiacci al Polo Nord 😉

Girando per la rete ho finalmente scovato il sito del National Snow and Ice Data Center che fornisce dati aggiornati sullo stato della calotta artica.

Con questi dati possiamo vedere a che punto siamo 🙂

Continua a leggere


2 commenti

L’agghiacciante Sarah

Una splendida immagine di Sarah Palin, l’attuale governatrice dell’Alaska, ex-finalista di Miss Alaska e candidata repubblicana al poltrona di vice-presidente.

Incantevole, vero? Madre amorevole, donna di sani principi morali, energica, etc. etc. Mmm… praticamente la perfetta donna americana secondo i canoni estetico-politici repubblicani 🙂

Ebbene, ogni volta che la vedo mi si ghiaccia il sangue nelle vene… questa donna mi fa paura!!! 😦

Continua a leggere