My Mizra Blog


Lascia un commento

Pena di morte, solo un paese su 10?

Oggi buttavo l’occhio sulle news del Corriere ed ho notato un articolo intitolato “Pena di morte, solo un paese su 10 la usa ancora” di Riccardo Noury.
Mi sono subito detto: “Dai! Una notizia positiva, le cose migliorano” 🙂
Dopo il breve entusiasmo iniziale sono rimasto un po’ pensoso…. solo il 10% ha la pena di morte? Ma la Cina fa un sesto della popolazione mondiale! Ha forse smesso di linciare le persone per reati “comuni”, come ad esempio l’evasione fiscale, ed io non me ne sono accorto? Strano, l’altro ieri ho letto un articolo che ricordava che in Cina ricavano organi da trapianto dai condannati a morte… però hanno intenzione di smettere nei prossimi 5 anni 😉
A quel punto ho capito il mio errore, il 10% degli stati non sono il 10% del mondo. Mettendo nel mucchio stati come  Andorra, Città del Vaticano e Liechtenstein fai presto ad arrivare alla cifra di 198 stati come nei conteggi di Amnesty International.

Non voglio sminuire gli sforzi fatti per la lotta alla pena di morte ma guardando i dati da un’altra prospettiva si vede che il più grande stato totalmente abolizionista è il Messico, 11° nella classifica dei paesi più popolosi al mondo.
Tra i primi dieci paesi 8 mantengono la pena di morte per reati comuni e 3 l’hanno utilizzata nel 2011.
Estrapolando un po’ di dati demografici da Wikipedia e calcolando le percentuali “pesando” gli stati in base alla popolazione invece di contarli otteniamo numeri ben diversi.

Numeri dal report di Amnesty
Paesi totali: 198 (100%)
Paesi che mantengono la pena di morte: 57 (28,78%)
Paesi con persone giustiziate nel 2011: 20 (10,10%)

Valori ottenuti pesando gli stati in base alla popolazione
Paesi totali: 6.525.685.897 (100%)
Paesi che mantengono la pena di morte: 4.344.221.686 (66,57%)
Paesi con persone giustiziate nel 2011: 2.254.378.999 (34,55%)

I dati demografici sono ricavati dal CIA Factbook 2006, un po’ datati ma le percentuali non dovrebbero subire grosse oscillazioni visti i numeri in gioco.

Ai pochi lettori del presente post un consiglio: prendete le percentuali pubblicate sui giornali con le pinze e se vi viene un dubbio sui numeri una rapida ricerca in Wikipedia spesso lo dipana o fornisce indicazioni utili su come trovare informazioni e dati corretti.

Update 30/03/12:  il Giappone ha eseguito tre condanne a morte interrompendo una moratoria di 20 mesi. Con una popolazione di circa 120 milioni di abitanti aggiungerà un 2% scarso al gruppo dei paesi giustizialisti.

Update 03/08/12: il Giappone esegue altre 2 condanne a morte.

Annunci


Lascia un commento

Kepler

Grazie al cambio dell’ora è già mezzogiorno e non me ne capacito 😉 Stavo spulciando Slashdot quando sono incappato in questa notizia:

“NASA’s Kepler mission has discovered 11 new planetary systems hosting 26 confirmed planets. These discoveries nearly double the number of verified planets and triple the number of stars known to have more than one planet that transits, or passes in front of, the star.

Trad: “La missione Keplero della NASA ha scoperto 11 nuovi sistemi planetari che ospitano 26 pianeti accertati. Queste scoperte quasi raddoppiano il numero di pianeti accertati e triplicano il numero di stelle note per avere più di un pianeta che transita, o passa di fronte a, una stella.”

Per il nerd generico medio, l’amante della fantascienza ed i feticisti degli omini verdi è una notizia molto ghiotta. Via via che si scoprono sempre più sistemi simili al nostro si indebolisce il presupposto che il Sistema Solare sia poi così unico ed eccezionale e si rafforza la possibilità di trovare vita, come noi la conosciamo, in altri luoghi della nostra galassia.
Leggendo un po’ i commenti ho trovato, a parte i riferimenti al SETI, una vagonata di merda scaricata sui cristiani. A posteriori il motivo è chiaro, negli USA siamo in piene primarie repubblicane e il “cristiano” Rick Santorum è decisamente inviso al nerd generico medio* che commenta o trolla su Slashdot ;).
Resta però il fatto che uno dei primi a ragionare sull’esistenza di altre stelle dotate di pianeti popolati da vita intelligente fu Giordano Bruno, giustiziato per le sue idee nel 1600 dalla Chiesa Cattolica. Poco dopo Galileo finisce sotto l’occhio della Inquisizione Romana e rischia di fare la fine di Giordano Bruno. Oggi la Chiesa descrive il rogo del frate domenicano come un “triste episodio” ma si guarda bene dal condannare gli inquisitori, anzi, la gente non dovrebbe giudicare chi ha condannato Bruno perché gli inquisitori, dice il Cardinale Sodano nel 2000, “volevano servire la libertà e promuovere il bene comune e fecero quanto possibile per salvare la sua vita”.
Questo spiega eloquentemente quale è la forma mentis dei vertici vaticani e dovrebbe fa suonare un capanello d’allarme ogni volta che rispondono alle critiche per le proprie azioni e posizioni nascondendosi dietro “la promozione del bene comune”, “la tradizione ed i principi della Chiesa Cattolica”, etc., etc.
Per chiarire come funzionava e funziona fuori dall’area d’influenza del Vaticano Copernico e Keplero sebbene contemporanei di Galileo e Bruno non furono nè processati e nè giustiziati, furono apprezzati consiglieri di re ed imperatori ed oggi sono più che ben accetti dall’establishment religioso**

Alla fine la polemica, alquanto sterile ed estranea al contesto italiano, su Slashdot è stata una buona occasione per andarmi a rivedere un pezzo importante della storia della scienza e mettere nero su bianco alcuni ragionamenti che mi capita di fare dopo aver discusso con qualche sostenitore delle posizioni vaticane… posizioni che in genere ignorano con pervicacia gli ultimi 3-400 anni di progresso scientifico e nascondono una malcelata nostalgia per un epoca in cui le parole di vescovi e papi erano ascoltate ed obbedite senza fiatare.

 

* Il curriculum e le posizioni politiche di Rick Santorum fanno venire la pelle d’oca anche al sottoscritto:

  • autore dell’omonimo emendamento che proponeva l’insegnamento dell’Intelligent Disegn a scuola assieme all’evoluzione;
  • preoccupato per “l’indottrinamento” che sta avvenendo a livello universitario in cui “il 62% di chi va al college con una convinzione di fede lo lascia senza di essa”;
  • ha descritto la contraccezione come “una licenza per fare cose in ambito sessuale che sono contrarie a come le cose dovrebbero essere”, il contesto del dibattere era una sentenza della Corte Suprema che abrogava una legge che proibiva alle coppie sposate di acquistare contraccettivi (vedi Griswold v. Connecticut);
  • nel 2003 era favorevole a leggi contro la poligamia, l’adulterio, la sodomia e altre azioni “antitetiche ad una sana e stabile famiglia tradizionale”;
  • favorevole alla pena di morte se c’è la certezza della colpa. Personalmente non capisco come questo si concili col principio che senza certezza della colpa una persona non viene condannata ed ancor meno giustiziata;
  • favorevole alla severa applicazione delle leggi esistenti che “proibiscono la distribuzione di pornografia hardcore su internet, sulla TV via cavo e satellitare, sulle TV di hotel e motel, nei negozi ed attraverso la posta od i corrieri. Beh, è questo che ha scosso gli animi dei nerd internettiani di tutto il mondo!!! 😛
  • considera l’opinione scientifica principale sul riscaldamento globale come “junk science” e vi risparmio il resto

Lo so, Santorum candidato alla presidenza USA farebbe venire nelle mutande i cattointegralisti nostrani. Per fortuna siamo in Italia e qui il leader del principale partito “cristiano” è Casini 😉

** Segnatevi il 23 maggio: è il giorno in cui vengono festeggiati Keplero e Copernico nel calendario liturgico della Chiesa Episcopale negli Stati Uniti.