My Mizra Blog


Lascia un commento

03:00

Caldo e sete mi hanno fatto svegliare alle 3:00 di notte, direi che come inizio settimana non è il massimo.
Ieri ho fatto una capatina in ufficio per sistemare un paio di cosette. Fuori il sole battente, dentro più o meno fresco, telefoni muti, nessuna distrazione… oserei dire che si stava bene 🙂
Uscito dall’ufficio ho fatto un pranzo frugale, vista la temperaturq e le mangiate dei giorni scorsi, e poi mi sono buttato sul divano a leggere. Ho finito “L’ultimo capodanno” di Ammaniti, domani lo riconsegno in biblioteca assieme a “Gocce di resina” di Corona e poi vedrò se c’è qualcosa che mi ispira. Nel frattempo ho rimesso sotto carica l’ebook reader, nell’ultimo periodo non l’ho più usato ed era a terra. Lì dentro avevo lasciato in sospeso “The invisible man” di H.G. Wells e dovrò riversarvi un bel pò di letteratura d’annata per questa estate.
Ora cerco di riaddormentarmi sennò arrivo in ufficio tipo zombie 🙂

Annunci


Lascia un commento

Appesantito

Dopo pranzo steso sul divano 🙂
Pranzo, a dire il vero, è una parola grossa, ho pasteggiato con due banane ed ora sorseggio un po’ di tisana. Ne ho fatto 3 litri, ho usato la pentola dove in genere facciamo la pasta. È da mercoledì che mangio bello carico, sento proprio il bisogno di una giornata, magari due, di ramadan per depurare l’organismo.


Lascia un commento

Accattoni

Una cosa che non riesco a mandar giù è la moltitudine di accattoni che trovo costantemente sulla linea Firenze-Viareggio.

image

In stazione S.M.Novella si riuniscono, una dozzina abbondante, e fanno la posta ai viaggiatori per avere soldi, sigarette o per proporsi come improbabili facchini.


Lascia un commento

Weekend

Sto rientrando dalla Versilia, weekend tranquillo con Raffa 🙂
Visto che il tempo ha retto abbiamo potuto assistere ad Anteprime, manifestazione letteraria che si tiene a Pietrasanta. Un sacco di autori presentavano i loro libri, tra essi Ammaniti, Mauro Corona, V.M.Manfredi, Dan Brown, Pamuk, Licia Troisi.

image

image

image

È stato molto interessante vedere gli autori che presentavano dal vivo e, tolto qualche disagio organizzativo, mi è piaciuta come manifestazione. È noto che ultimamente leggo poco in italiano ma vedere che dietro i nomi sulle copertine ci sono esseri umani in carne ed ossa mi ha invogliato a provare a leggerli.
Proverò nelle prossime settimane a prendere un libro di Corona ed uno di Ammaniti in biblioteca, su V.M.Manfredi passo perché il ricordo de “Le paludi di Hesperia” non mi ispira a dargli una seconda chance per ora 😉 Ci sarebbero da valutare anche Pamuk e Ginzborg ma non voglio mettere troppa carne al fuoco.
Questa volta non mi sono portato niente da leggere per il viaggio, ad esclusione del capitolo su Base della guida di LibreOffice che non mi sento proprio di classificare come lettura da viaggio 😉 Cazzeggerò col cell, giocherò a scacchi, sonnecchierò e, se proprio non mi passa, posso sempre prendermi qualcosa da leggere in edicola.